escursioni da fare nelle Dolomiti
Destinazioni,  Italia

Escursioni da fare nelle Dolomiti: trekking al Rifugio Tissi

Tra le escursioni da fare nelle Dolomiti c’è sicuramente il trekking al Rifugio Tissi.

Questo è uno dei più belli trekking da fare nelle Dolomiti, che ti porta ai piedi del  Monte Civetta.

In questo post ti racconto come raggiungerlo.

L’escursione parte dalla zona di Agordo, da Capanna Trieste e passando dal Rifugio Vazzoler.

A inizio Settembre ho puntato la sveglia all’alba (il capogita cioè mio padre non ha sentito ragioni!) e ho raggiunto uno dei punti più panoramici e da togliere il fiato delle Dolomiti.

Ne è valsa però la pena perché il paesaggio è veramente stupendo e sorprendente.


Come arrivare al Rifugio Tissi da Capanna Trieste

Se ti trovi nella zona di Agordo puoi raggiungere il Rifugio Tissi da Capanna Trieste che si trova in località  Val Corpassa in comune di Taibon Agordino. Il punto di partenza è raggiungibile da località Listolade in auto per circa 10 km.

Lasciando l’auto vicino a questo rifugio a quota 1100, dovrai seguire imboccare la  mulattiera che sale gradualmente e seguire il sentiero 555, indicazioni per il Rifugio Vazzoler che si trova a quota 1774 slm.

Raggiunto il rifugio Vazzoler si prosegue seguendo il sentiero 560 ti condurrà fino alla Sella di Pelsa (1960 metri) da dove si comincerà ad intravedere il Rifugio Tissi.

Da qui passata la bella radura, si sale e si arriva ad un bivio: da una parte puoi scegliere di proseguire per il sentiero 560 e arrivare al Rifugio stando proprio ai piedi della Civetta.

L’alternativa è seguire “Rif. Tissi la direttissima” che richiedere un po’ di gamba data la ripidità del sentiero.

In ogni caso si giunge ai piedi del rifugio dove La Civetta si staglia e ti lascia senza fiato per l’imponenza delle rocce e la sua bellezza.


Che tipo di escursione ti aspetta per arrivare al Rifugio Tissi: difficoltà e durata

escursioni da fare nelle Dolomiti

Parlare di difficoltà e durata in montagna è sempre abbastanza relativo e dipende molto dalla preparazione fisica della persona e dal suo passo. In generale però l’escursione che ti aspetta per arrivare al Rifugio Tissi è classificata come EE con un dislivello di circa 1200 metri e una lunghezza di circa 19,8 km.

Un percorso quindi lungo e che richiede un po’ di allenamento ma sicuramente la salita al Rifugio Tissi è nelle lista dei 10 migliori trekking da fare nelle Dolomiti.

L’escursione si snoda su mulattiera e strada forestale fino al Vazzoler e su sentiero dentro e fuori dal bosco con sassi e radici. Se scegli “la direttissima” nel tratto finale appena prima di raggiungere Col di Rean, c’è un tratto di roccia molto ripido con un cordino per aiutarsi.

La durata del percorso sulle segnaletiche C.A.I è stimata in circa 3.00 h con buon passo da Capanna Trieste. Ovviamente è necessario essere attrezzati con scarponi da trekking, vestiario adatto a strati e adatto al clima di montagna che in questa zona arriva a 2000 metri.

Il Rifugio Tissi è aperto da Giugno a Settembre, prevalentemente raggiungibile nei mesi estivi.

Ma parliamo della bellezza di questa escursione perché il sentiero ti porta dentro una natura bella e silenziosa. Il sentiero fino al Rifugio Vazzoler si snoda con vari tornanti su sentiero di ghiaia e sassi. Da qui ancora non si percepisce il luogo che si sta raggiungendo e può risultare leggermente ripetitivo come trekking.

Arrivando al Rifugio Vazzoler ci si immerge in un bellissimo bosco e poi salendo si comincia a vedere un bellissimo panorama di rocce alternate a vette. Tra queste sicuramente da nominare è la Torre Trieste chiamata anche Torre delle Torri (2458 m).

Si arriva puoi ad una radura molto ampia dove si comincia ad aprire il panorama da cui spicca a lato il civetta e in cima il Rifugio Tissi.

Da qui si sale su sentiero tra roccia e radici e si imbocca la direttissima.

Il resto del sentiero è abbastanza in salita ma costante e si giunge in un’ora circa alla vetta dove l’occhio spazia fino a perdersi nel blu tra le vette più belle delle Dolomiti.


Sua maestà il Civetta: la cima più celebre delle Dolomiti

Dino Buzzatti l’ha definita la muraglia di roccia più bella delle Alpi nel suo libro “I fuorilegge della montagna – Uomini, cime, imprese” E devo dire che come sempre non avrebbe saputo dipingere le nostre montagne meglio con le parole. La parete del Monte Civetta ti fa stare con il naso all’insù ad ammirare la sua fantastica colorazione grigio rosata che si stalgia sul cielo blu.
Il gruppo Montuoso del Civetta (Zuìta [Thuìta] in dialetto alleghese e zoldano si trova Belluno tra la Val di Zoldo e l’Agordino, e svetta con la sua cima principale fino  i 3.220 m di altezza.
L’imponente parete nord, compresa tra la Cima Su Alto e la Torre Coldai, conosciuta dagli alpinisti come “il Regno del sesto grado” o “Parete delle Pareti”, guarda al paese di Alleghe, mentre verso sud la catena montuosa si protende a formare il gruppo della Moiazza. Ai piedi del Monte Civetta si trova il Lago Coldai.

Non solo roccia però perché questa stupenda cima si trova circondata da una natura bellissima che si ammira già durante l’escursione al Rifugio Tissi. Man mano che si sale la cima si fa più spazio fino a ritrovarsela a lato come una grande signora che ti ricopre con la sua bellezza.

In estate, è una meta ambita da arrampicatori ed escursionisti, che possono contare su diversi sentieri e rifugi dove fermarsi, e da corridori per la nota gara di corsa in montagna, la Transcivetta. In inverno, il Monte Civetta accompagna gli sciatori lungo le discese dello Ski Civetta.

Allora cosa aspetti? Le Dolomiti Bellunesi ti aspettano in tutte le stagione. Salva nel segnalibro questa escursione per la prossima estate e intanto vieni a trovarci! La montagna in autunno è bellissima.

Se ti piacciono i laghi e i boschi magici, leggi qui un’altra escursione da fare nelle Dolomiti, in Cadore.


escursioni da fare nelle Dolomiti

Se ancora non mi conosci io sono Maria Travel Designer e accompagnatore turistico

Mi piace raccontare esperienze di viaggio e crearne su misura per me e per gli altri

Viaggiamo insieme?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *